Son sempre i migliori che se ne vanno.

  Oramai stava tirando gli ultimi. Il respiro era pesante, ed ogni movimento era doloroso. Giaceva esangue, davanti al portone. Cancello 5. Lo aveva attraversato per anni, non ricordava più nemmeno da quando. Le immagini andavano e venivano, nei momenti di lucidità. Non riusciva più a distinguere se quello che vedeva era reale o se erano flashback che si sovrapponevano. … Continua a leggere