Un paese che odia le donne

sagoma.jpg

Gli ultimi fatti riguardanti le donne, svelano quanto sia diffuso l’odio per le donne in questo paese. Non passa giorno che maschi impotenti non uccidano qualche donna, in un gesto che assume sempre di più le sembianze del rituale.

Ti devo avere, viva o morta, anzi meglio morta. L’omicidio diventa il mezzo per riaffermare il dominio sul corpo e sulla mente delle donne, ree di avere un pensiero diverso, non conforme a quello del maschio.

La sovrapposizione tra possesso e merce, con la trasformazione dell’individuo in consumatore, riduce la donna ad una cosa che deve ubbidire pena la rottamazione, chiaramente per amore, ci mancherebbe altro.

Come il televisore al plasma acquistato nel centro commerciale, che se non funziona va distrutto, la donna non ha scelta, bidimensione, futuro non in relazione al prorietario.

Ma questo è solo un aspetto dell’odio che le donne, nella nazione della Madonna, suscitano in questo paese. Le donne devono soddisfare gli stereotipi maschili, essere gnocche, decorative, produttive. Al punto che anche le donne lo pensano, facendo propri schemi di vita che presuppongono l’uso del proprio corpo per la propria realizzazione, amputandolo medicalmente con protesi e silicone.

Le donne devono essere forti, più forti dell’uomo. Al punto che se questi le maltratta, le umilia, le picchia, non sono nemmeno più vittime di reati, ma devono subire e sopportare. In tal senso la Consulta si è espressa, rigettando la sentenza di colpevolezza per un marito che aveva picchiato la compagna, probabilmente senza ucciderla, visto che lei, con la sua forza, non ha patito l’aggressione. Una sentenza di uomini, fatta per gli uomini e che pone la questione della rappresentanza, in quell alto organismo, della componente femminile. Non è possibile che su temi così delicati siano solo uomini a decidere.

Per me, uomo, è difficile dire cosa le donne debbano fare, per uscire da questo incubo horror che è diventata l’Italia. Un paese intriso di razzismo di genere, che ha costruito la sua essenza nel femminicidio,reale e culturale.




Un paese che odia le donneultima modifica: 2010-07-04T12:03:02+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Un paese che odia le donne

Lascia un commento