E il suo opposto

 

Spleen.jpg

Io voglio tutto. Follemente. Spogliato di ogni cosa, in cima ai grattacieli, sparato sulla luna, la risata e la pelle offerte alla mia bocca.

Io voglio tutto. Sui letti, contro le pareti, nel fuoco e nell’acqua. I tuoi demoni e il mio. I demoni sono angeli che non si credeva. Impigliato nella loro ali stropicciate, voglio pescare a morte. Quindi, niente. Io voglio tutto.

E il suo opposto.

Voglio la terrazza che si protende nella notte, una montagna di occhiali e l’ultimo avvistamento. La favola. Quello che cambia i piani.

I suoi occhi, il seno e il grande vuoto che brucia, nella pancia. Parlare e danzare, il cuore vuoto, le sue parole che non seguono le mie. Parlare come si gioca, cercando. Lo voglio. Te.

E il suo opposto.

Io voglio una che mi prenda dentro, mi dica come era stupido, che mi stringa nella mano  quando mi abbandono. Lei mi dice che no, non dobbiamo mai smettere di amare senza motivo. Non sei tu, sono io. Non sei tu, sono io. Sono qui per rimanere. Voglio vedere i suoi occhi.Quelli che mi facevano volare, quelli che mi cercavano tra la folla, che erano i soli a farmi sorridere.

E il suo opposto.

Voglio tutto. Così ti bacio dimenticare che ti amo. Forte. Forte. Come vorrei che tu mi ami ancora.
Allora l’accarezzo per dimenticarmi che ti bacio. Lentamente. Come amerei che ti amassi un po ‘.

Poi mi dimentico di dimenticare che ti dimentico.

Con tutto quel che voglio, non ho niente.

E il suo opposto.

 

Liberamente tradotto da blavog

E il suo oppostoultima modifica: 2010-06-13T00:12:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “E il suo opposto

Lascia un commento