Scuola, basta obblighi, siamo il partito della Libertà

http://www.altroquotidiano.it/wp-content/uploads/2009/09/gelmini_mariastella200509_adn-400x300.jpg

 

Cari Genitori, cari fanciulli,

L’Italia sta attraversando un periodo difficile, chiusa nelle assurde regole lasciateci in eredità dai governi comunisti che ci hanno preceduto, ed è quindi giunto il momento di liberarci  e di dare, finalmente, una seria prospettiva ai nostri giovani.

La bussola che guida la nostra azione è la libertà, e finalmente abbiamo deciso di liberare la nostra gioventù da un obbligo che la tiene da oltre sessantanni, schiava dello stato.

Abbiamo deciso di abolire l’obbligo scolastico.

Basta, non è più possibile, e a maggior ragione in un momento di crisi come questo, obbligare i giovani ad andare a scuola, costringendo i genitori a sostenere spese e balzelli, solo per mantenere una casta di insegnanti sprecona e corrotta.

La fine dell’obbligo permetterà anche a questi infanti di contribuire al sostegno dell’istituzione che da sempre è al centro della nostra azione: la Famiglia.

Inoltre questa abolizione permetterà anche di rimediare ad un problema che si è creato con l’abolizione della geografia nelle materie d’insegnamento, visto che finalmente i giovani potranno recarsi di persona sulle strade del mondo, imparando sul serio i nomi delle capitali, dei fiumi e dei monti.

La piccola valigia che si porteranno non sarà di grande impaccio, in questo che si presenta come un vero percorso educativo.

Sarà poi rilanciato anche il turismo, visto che le famiglie potranno, con i proventi delle attività imprenditoriali dei figli, dedicarsi molto di più al loisir e visitare città d’arte fino ad oggi sconosciute.

Un saluto quindi dalla vostra Ministra, che non smettrà mai di cercare di migliorare l’istruzione dei nostri figlioli.

Mariastella Gelmini

Scuola, basta obblighi, siamo il partito della Libertàultima modifica: 2010-05-25T09:20:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Scuola, basta obblighi, siamo il partito della Libertà

Lascia un commento