Perchè tutto deve morire

Lonely Passenger

 

foto di Limitchik

 

Si mise a sedere sul letto ed era come ascoltare il medico a dirgli: cancro.

Da qualche parte in una gabbia segreta, costruita forza di amare, ricordi,  sogni e  pensiero congelato.

Panda su post-it suini, teschi sugli specchi, impanati, cavalli bai ricoperti di nero. Ragazze secchione, Bestie Sexy, tutto il resto.

Nasconde la testa sotto la maglia, in questa sala che lo accoglie come un paradiso sconosciuto. Pareti di morbido feltro dove nulla, nulla sembra essere significativo. La farfalla non aveva un lembo di un’ala quando ha posato le sue labbra contro le sue.

Strana eternità, attimi sospesi dove avrebbe potuto appendere il suo dolore come indossare una giacca per la pulizia.

Lui non ha fatto nulla e nulla sembrava pensare, e aveva fatto bene.

La mattina, quando è uscito, la sua giacca era nera – ovviamente – ma era pulita. Le cose erano in ordine. Qualcuno aveva raccolto durante la notte i corpi degli animali che il cancro aveva mangiato.
Sono sempre stati morti, ma tutto deve morire.

E poiché tutti devono morire, non resta che vivere.

E va bene questa mattina.

Una mattina iniziata il verso le quattro.

Si precipita nell’aeroporto.

 http://cronachemarziane.myblog.it/media/01/00/1524377572.mp3

 

testo liberamente tradotto da Blavog

Perchè tutto deve morireultima modifica: 2010-05-22T22:55:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Perchè tutto deve morire

Lascia un commento