Diritto di cloaca

http://www.robertocorradi.com/arti%E83/brachino.jpg

 

Ieri Brachino ha pisciato fuori dal vaso. Nella brama di essere il più fedele del reame e per reggere il confronto con un vicedirettore del Giornale (Sticazzi, mica uno che pettina le bambole!!) si è concentrato, ha a lungo ponzato, e alla fine ha dato il meglio di se: una cagata pazzesca.

Un servizio che entrerà nei manuali di storia come schifezza totale, oltre che penale. O forse manco quello, da quanto è brutto.

Le disgrazie si rimuovono, come insegna la psichiatria.

Ma lasciano ancora più stupiti le dichiarazioni successive, in cui il nostro (haimè!) dichiara che lui non ha fatto nulla di male, nulla di strano. Ha solo esercitato il suo diritto di cronaca. Ma secondo me c’è un errore, un refuso, un lapsus.

Mi sa che non fosse “Diritto di cronaca” quello che intendeva, ma “diritto di Cloaca”. E viste le nostre origini latine, la cloaca non può che essere maxima.

Resta un questito, cercando un a purchè minima giustificazione all’accaduto: Ma a mediaset li drogano?

Diritto di cloacaultima modifica: 2009-10-17T09:13:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Diritto di cloaca

Lascia un commento