Yesterday (sorry, is not a beatles song)

 

 

E’ passato molto tempo da quando ascoltavo questa canzone. Allora avevo 14 anni e i brufoli, un vespino 50 taroccato e avevo finito al scuola dell’obbligo. Vedevo mio fratello maggiore che frequentava un istituto tecnico, impegnarsi i politica e grazie (o per colpa sua) ho iniziato a leggere giornali e libri che allora si definivano “impegnati. Io vengo da una famiglia di comunisti. Niente di che, gente del popolo, mio padre muratore e mia madre casalinga. ma in casa si leggeva l’Unità, attaccato al muro c’era la foto di Togliatti, e una volta all’anno passava quello del partito che proponeva a mia madre prodotti delle cooperative emiliane, tovaglie ricamate, coperte, pentolame. A giugno si andavano  a montare gli stand della Festa dell’Unità e mio padre spariva per due giorni dietro ad enormi griglie da costine.

Così ho iniziato a frequentare piazze e circoli, ad avere una coscienza politica. Poi le cose sono andate come sono andate, la sinistra si è persa travolta da affaristi e terrorismo, il pendolo della storia ha cambiato direzione.

Ed ora mi ritrovo in questo nuovo millennio, in una società che a forza di avere ha dimenticato cosa vuol dire essere, con gente piena di paure e di angosce, pronta ad erigere nuovi muri, pur avendo l’esperienza di quanto a poco questi servano. Il secolo breve è passato, e con lui quell’abbrivio di speranza in un futuro migliore che aveva caratterizzato la mia giovinezza, la mia adolescenza.

Oggi di tutto questo restano solo delle macerie. Al massimo delle piccole isole di speranza, dei tenui segnali che sottosotto la talpa ancora lavora, intendendo con questo che prima o poi il pendolo potrebbe tornare a scandire il battito del progresso, della condivisione, della libertà non sulle spalle degli ultimi, ma anche per questi.

La cosa però che più mi disturba è il sentire gente come Brunetta o immondizia simile usare parole come socialismo o sinistra per giustificare le porcherie che stanno facendo. Abbiano almeno il coraggio di essere completamente responsabili delle loro azioni.

 


 

Yesterday (sorry, is not a beatles song)ultima modifica: 2009-09-23T16:10:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Yesterday (sorry, is not a beatles song)

Lascia un commento