Eia eia Mavalà (the big brother was here)

 

Ha ragione Brunetta. E’ cominciata la fase due del progetto Fenicioni. Siamo arrivati alla fase dell’eliminazione fisica del nemico.

In campo i pezzi da 90 (meno uno, che al mazzimo è da 45) Ministri, vallette, teste di legno. Da Brunetta a Bondi, da Capezzone a Feltri, è un susseguirsi di liste di proscrizione e di diktat.

Fuori, licenziati, definanziati. Colpevoli solo per il fatto di esistere. La macchina Berlusconiana, dopo aver costruito il plateau culturale ora passa alle epurazioni.

Statali, sbirri panzoni, insegnanti, poteri forti, conventicole comuniste, centri sociali, cattocomunisti insomma chiunque, vero o falso che sia, è additato come nemico della patria e possibile eversore.

Con punte anche di ridicolo quando Brunetta indica nei poteri forti il centro dei golpisti e poi dichiara di aver ricevuto una telefonata di condivisione nientemeno che da Montezemolo, uno che incarna i medesimi per diritto ereditario. Ma il ridicolo, oramai si è capito, non è un limite per questi signori, che anzi pianificano la comunicazione a tavolino, con tecniche di marketing politico.

Insomma stiamo per entrare nel Grande Fratello. No, non il reality, proprio il romanzo di Orwell.

Eia eia Mavalà (the big brother was here)ultima modifica: 2009-09-22T10:19:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Eia eia Mavalà (the big brother was here)

Lascia un commento