Ciao Faber, scusa per la puzza che c’è in giro..

 
 
Caro Faber, sono dieci anni che manchi. Son dieci anni che mi manca il tuo punto di vista, ostinatamente contrario, per sopportare questo mondo. Da allora è più difficile vivere, come quando è mancato Pasolini, senza uno che rimettesse la palla al centro, in questa società piena di distrazioni di massa.
Ma non serve prendersela con il destino (cinico e baro) e si continua,  pur nel mio infinitamente piccolo, a fare qualcosa per gli ultimi, per i diversi. Io lo faccio nel lavoro, anche se spesso è più difficile tenere gli amici che affrontare i nemici.
Volevo però dire una cosa su questi giorni nei quali da molte parti vieni ricordato. Vedo gente che non c’entra nulla parlare di te e cantarti.
Ti chiedo scusa se stiamo lasciando anche il tuo ricordo nelle mani di chi con le tue parole, con le tue canzoni, con le tue poesie di solito si pulisce il culo.
So che la verità che tu hai sempre cantato è più forte delle menzogne, e che alla fine è questa che rimane nei cuori della persone, nonostante gli sforzi dei  ladri di regime, di ogni regime.
Ciao Faber, a risentirci, magari a Wounded Knee o magari in una delle tante Vie del Campo, ma sempre dal lato selvaggio della strada.
 
Con Amore 
 
Ciao Faber, scusa per la puzza che c’è in giro..ultima modifica: 2009-01-11T21:22:00+01:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Ciao Faber, scusa per la puzza che c’è in giro..

Lascia un commento