La tela del ragno

 

 

Oggi il governo, con una riunione lampo, ha deciso le iniziative del “pacchetto anticrisi”. Per evitare il tracollo dell’economia, sono stati individuati degli interventi che permetteranno ai più poveri di spendere 40 centesimi al giorno. per rilanciare i consumi. Con questo capitale coloro che hanno un reddito di  max 6.000 euro all’anno (ovvero 16,48 euro al giorno, domenica compresa) potranno far ripartire la macchina industriale, ultimamente un po bloccata. Evidente,mente tra il governo e il popolo sono in sintonia, visto che quest’ultimo ci metterà meno tempo a spendere il tesoretto di quanto il governo ci abbia messo a deliberarlo.

Ma, come si dice, i bonus sono come il maiale, non si butta via niente. E allora benvenuti cari 40 centesimi, vorrà dire che invece di non arrivare al lunedì della terza settimana non si arriverà al martedi della terza settimana, con un notevole aumento dell’ottimismo.

Resta però il problema di fondo. Ovvero questa crisi è dovuta al fatto che si è costruita un’economia basata sul debito. Ora si chiede di continuare a spendere, pur non essendoci soldi veri e l’unico modo è quello di  usare altro debito. Ma l’importante è essere ottimisti. Non si capisce rispetto a cosa, ma basta essere ottimisti.

Insomma una bella tela di ragno, con al centro, famelico, sempre lo stesso soggetto e noi come al solito nel ruolo delle mosche. pronte al sacrificio. Ma lo sa, il ragno che se muoiono tutte le mosche muore anche lui? 

La tela del ragnoultima modifica: 2008-11-28T23:33:48+01:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “La tela del ragno

  1. Sono una “fortunata”..ho uno stipendio, sempre quello..ma almeno c’è. Così riesco a pagare i debiti fatti per l’essenziale. Non come tanti nella mia città, area “depressa”…che vengon licenziati per telefono…quando mancano 20 giorni a Natale. Anche le acciaierie che “tiravano” hanno spento l’alto forno…la situazione e’ davvero pesante…mai come in passato di cui io abbia memoria….adesso, posso dire una serie infinita di parolacce a proposito dei 40 euro di bonus???…Oppure mi oscurano…oppure mi fanno stare zitta….e che metodi useranno per mettermi a tacere??? mmmmm….questo si, che è un film tristemente già visto….
    coraggio, col cervello….siamo tanti !!!

  2. @ sabri
    Quoto! ma penso che sia necessario anche immaginarsi qualcosa di diverso da questa tela che ci hanno costruito intorno. L’altra sera sono andato a sentire Pallante, che propone la decrescita felice. Non so se è la risposta giusta, ma mi sembra interessante l’idea di uscire da un futuro fatto di sviluppo senza limiti. La nostra società deve, come tutte le cose di questo mondo arrivare ad un equilibrio, altrimenti decade. E qui ci vuole il cervello!

    ciao!

Lascia un commento