Lezioni di piano..

 

Nei requisiti per essere parlamentare pare che sia necessario avere, oltre che una fedina penale non proprio immacolata, anche delle frequentazioni con il mondo dell’arte. Dalle foto artistiche alle comparsate in tv, ogni esperienza accumulata può tornar utile per far curricula. Tralasciamo i professionisti come G. Carlucci o M. Carfagna, piuttosto che videonoti come Sgarbi o La Mussolini. La competenza che più viene apprezzata è la bravura alle tastiere. Gente capace di coprire tre, quattro  postazioni, con dita agili e svelte che manco un Rachmaninoff potrebbe avere. Certo è un lavoro faticoso, sporco, ma come si dice qualcuno lo deve pur fare.. D’altronde mica che un parlamentare può restare sempre li a votare, abbiamo tutti una vita e qualcosa da fare, chessò il figlio da portare in piscina, un’amante da andare a trovare, una partitina a calcetto. Mica si può sempre declinare, insomma. Vero, questa legislatura vede una maggioranza ampia, tale da dover essere al sicuro da eventuali problematiche legate alla presenza. Ma ci si dimentica che il primo dovere di un parlamentare non è quello di essere rispettoso delle leggi, come troppo facilmente i soliti demagoghi comunisti amano dire, ma è quello di essere attento a chi ha una difficoltà, ai bisognosi, come anche il Santo Padre ha ricordato.

Lezioni di piano..ultima modifica: 2008-06-10T23:45:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Lezioni di piano..

  1. hai detto tutto tu ….
    il film lezioni di piano …. storia di una donna tenace..passionale..combattiva..ahh!! che film!!!
    buona serata uomo verde……..Anty

I commenti sono chiusi.