neoitaliano:il nuovo dizionario postelettorale

Con il nuovo che avanza anche la lingua italiana si stà adeguando. In queste note proveremo ad aggiornare il nostro patrimonio linguistico, per permettere a tutti di essere informati ai nuovi significati ed usi dei lemmi della nostra amata lingua.

La rubrica è aperta al contributo di tutti, nello spirito della partecipazione..

Iniziamo da alcune parole che vengono abolite ( a meno che non servano a Lui)

Precari/precariato: Brutta parola (usata dai comunisti) per descrivere una situazione di estrema libertà. La cosa buffa è che i Comunisti hanno trovato il modo di parlare male di una conquista che loro hanno sepre detto di voler raggiungere: La liberazione dal lavoro salariato. Infatti con il lavoro precario ognuno è libero di lavorare o meno, e se non lo fa è solo responsabilità sua! Da sostituire con

 

Fascismo: nella sua accezione negativa. Anzi, dichiarare che si è F. o si condivide in parte il F. è molto trendy, non fosse altro perchè il nero smagrisce.

 

Lista dei ministri: oggetto misterioso, che è sempre pronto, ma che non si vede mai.

 

Stipendio:  di questa parola non si coniosce più il significato. In antichità pare che fosse un modo per riuscire a vivere, ma mancano elementi che permettano di capire come lo rendesse possibile, ci stiamo lavorando.

Contratti di lavoro: Scusate se in questa disamina compendiamo anche  termini volgari e scurrili. Ma sapete com’è il popolino, ha bisogno anche di termini che diano una qualche eccitazione. Per fortuna questo stà cadendo in disuso e a breve sarà eliminato (per  questo rivolgersi a Marcegaglia)

 

Mafia/Mafioso: Finalmente si stà ristabilendo la verità su questo termine, dopo la parentesi comunista. Sinonimo di imprenditore, assistente sociale, eroico difensore dei deboli. A presto l’intitolazione di strade e piazze, basta saper aspettare 

 

 

 

 

neoitaliano:il nuovo dizionario postelettoraleultima modifica: 2008-04-25T08:45:00+02:00da saturninoz
Reposta per primo quest’articolo